Portale Web per aziende e percettori di reddito

II pluripremiato presidente Luigi Auletta della maison Impero couture brand campano di successo amico del sottoscritto pubblica un video su Facebook dove suggerisce l’utilizzo di un Portale Web per aziende e percettori di reddito per mettere in comunicazione la domanda con l’offerta. Ci tengo a precisare il Presidente Luigi esprime un opinione da imprenditore sulle misure prese dal governo e offre un suggerimento per apportare alcune migliorare alla misura gettando acqua sul fuoco tra le parti sociali; di seguito è riportato il commento di Romano Carmine rivisitato per la pubblicazione Web.

Tecnologia e imprenditoria la carta vincente

Tecnologia e imprenditoria sono un binomio che hanno sempre attratto il sottoscritto e che sono i principi che hanno acceso la discussione; non nascondo di averci pensato più volte in passato alla creazione di un portale Web dove pubblicare domande e offerte di lavoro. Il commento di risposta al post dell’amico Luigi parte così:

Io resto a disposizione dello stato italiano e delle imprese italiane dando la mia disponibilità a collaborare ad un progetto serio pur di risolvere una situazione di degrado umano sociale e morale in cui ci ha portato una parte della classe politica che va in scena da più di 3 anni su alcune reti televisive offrendo uno spettacolo di degrado basato sull’invidia sociale impostando i servizi televisivi sui furbetti che percepiscono il reddito scaricando la colpa dei controlli non avvenuti anche sui percettori onesti e non sugli organi di competenza.

Portale Web per aziende e percettori di reddito
Discussione su Facebook di Luigi Auletta e Romano Carmine

Chi sono i percettori di reddito

Parliamo di persone che stanno vivendo un momento di difficoltà che i politici di destra in particolare inquadrano in una situazione non temporanea ma a vita. Basta poco per far funzionare il sistema e lo dici anche tu nel tuo post ma una risposta dovrebbero darcela i politici che ci governano, altrimenti non si spiega questa situazione che si è creata e si lascia il dubbio alla mala fede e cioè che è loro interesse tenere l’Italia nelle condizioni in cui versa per alimentare politiche clientelari come quelle pre-covid. Ho sentito dire da alcuni politici facciamo gestire il reddito alle amministrazioni comunali (si così poi prima delle votazioni si sa chi lo percepisce e chi no).

Cosa ne pensa Romano Carmine degli imprenditori italiani

Purtroppo Luigi la maggioranza degli imprenditori italiani è in mala fede, non vogliono chiedere il personale ai centri per l’impiego perché è come trattare con lo stato, cercano personale per passaparola o su siti come subito.it dove nessuno fa da garante e poi rete 4 li mette pure in prima serata,; vi ricordo che il percettore li dove fosse chiamato se rifiutasse perde il reddito e nel momento in cui viene assunto il reddito passa all’azienda.

L’importanza di un portale Web per aziende e percettori

Sulla base di quanto detto ben vengano idee come la tua dice Carmine Romano a Luigi Auletta presidente di Impero couture nel commento del video postato su Facebook, altrimenti chiudiamo i centri per l’impiego perché non servono e sono solo mangiatoie di stato se davvero vogliamo risparmiare ma ho un idea ancora migliore basata sulla stessa logica utilizzata con il reddito dice Carmine Romano con sarcasmo (aboliamo il parlamento e gli enti pubblici ) perché: sono 40 anni che ogni giorno si sente in TV che qualche uomo delle istituzioni sia di destra che di sinistra ad ogni livello dal comune al parlamento commette reati di aggiotaggio, appropriazione indebita, turbativa d’asta e corruzione a discapito dei cittadini e della nazione, quindi da ciò si deduce che non svolgono il ruolo per il quale sono stati eletti e non ne sono meritevoli, in pratica non risolvono i problemi dei cittadini e quindi sono spese che andrebbero eliminate, come il reddito ma poi che facciamo torniamo alla monarchia?

Romano Carmine sarebbe disponibile a collaborare alla creazione di un portale Web per aziende e percettori

Apro e chiudo parentesi (io non sono percettore di reddito) dice Carmine a Luigi su Facebook ma siccome vedo spesso anche italiani rovistare tra i rifiuti mi piacerebbe dormire con la coscienza a posto la notte. A quel punto se qualche percettore nel periodo di attesa di un impiego ha il problema del gioco, dipendenza o altra situazione che fa si che l’assegno percepito non basti, be allora è un problema suo! Lo stato a fatto quello che poteva fare ma quel percettore ha problemi di altra natura.

Perché il reddito di cittadinanza non sembra aver funzionato?

Misure simili al reddito esistono anche in altri stati da decenni, in Italia questo tipo di intervento è partito in ritardo e in un brutto momento (appena prima della pandemia e allo stato attuale con una guerra in corso che coinvolge non solo tutta l’Europa con conseguenze più sensibili sui paesi esposti energeticamente come l’Italia e questa situazione a generato un ulteriore problema in corsa d’opera che si chiama inflazione) quindi cosa non ha funzionato? Io penso di più i centri per l’impiego e qualche governatore regionale di schieramento opposto a chi ha creato la misura. Per migliorare il reddito

Basta creare un portale Web per aziende e percettori di reddito?

In parte si! Se si dedica una piattaforma Web esclusivamente ad aziende e percettori di reddito si riesce a fare subito quello che non hanno fatto i centri per l’impiego ed i navigator. Purtroppo per rendere la misura veramente efficiente occorrono nuovi stanziamenti per:

  • Corsi di formazione e riqualificazione
  • Misura per lavoratore e misura per partita IVA (chi ha un mestiere e vuole mettersi in proprio)

Cosa ha migliorato il reddito

Il reddito ha reso magnanimi i politici di destra e le aziende che lavorano in nero che per 40 anni se ne sono letteralmente fregati dei disabili ma che adesso sono disposti ad alzargli la pensione minima di invalidità pur di eliminare il reddito (squallore ripresentato più volte sui Talk Show televisivi intervistavano i disabili che se lamentavano con i percettori) alla domanda cosa ne pensi del reddito e non con le varie governance che non se ne sono mai presi cura. il problema e che questo squallore è stato visto anche all’estro partorendo l’idea di un popolo italiano composto solo da miserabili e invidiosi ecco perché sarei ben lieto di regalare un portale Web per aziende e percettori di reddito allo stato Italiano. Un portale per fare quello che dici Luigi (afferma Carmine Romano e chiude con queste parole sarcastiche ) e ti giuro che non mi lamenterò dell’inutilità del mantenimento dei centri per l’impiego.

Articolo del di