Cosa sono i CMS

Se fai fatica a gestire il tuo sito Web ti consiglio di capire cosa sono i CMS. Li usano i gruppi editoriali, multinazionali, compagnie, social network e quant’altro abbia a che fare con piattaforme e siti Web; ciò non vuol dire che non siano utilizzati anche per creare e gestire siti di piccole dimensioni ma tutt’altro. Spesso sono usati a scopo formativo dagli aspiranti Web master, Web designer; in generale da sviluppatori web.

Cosa significa CMS

CMS, sta per (Content Management System); tradotto in italiano “sistema di gestione dei contenuti”, è un software installato su di un server con la finalità di semplificare la creazione e la gestione di contenuti per il Web.

Lo scopo dei CMS

L’ utilizzo di un sistema per la gestione dei contenuti semplifica l’ operato di chi crea contenuti per il web, blog e non solo; quando si ha che fare con progetti di notevoli dimensioni con contenuti frequenti, un CMS rende tutto più semplice e veloce. Questa applicazione consente di aggirare tutti gli ostacoli legati alla programmazione ed al design del tema. Utilizzare un CMS fa si che senza scrivere una sola riga di codice si possono creare contenuti per il Web.

I CMS più utilizzati

A questo punto sappiamo qualcosa in più su cosa sono i sistemi per la gestione dei contenuti ma niente su quali sono i più utilizzati. Ci sono alcuni più famosi di altri e che vanno per la maggiore; questo non vuol dire che vi è un Content management system migliore di un altro. Ecco una lista dei più utilizzati:

  • WordPress per blog e siti web.
  • Joomla portali, siti web e blog.
  • Drupal siti web e portali.
  • TYPO3 per portali e siti di grandi dimensioni.
  • Prestashop per e-commerce.
  • Magento e-comeerce.
Cosa sono i CMS
CMS

Come scegliere un gestore di contenuti

La scelta va orientata in base al target per il progetto che si va a sviluppare e non il contrario. L’ argomento su cosa siano i CMS è vasto e va compreso bene; questo eviterà di trovarsi un giorno a lavoro e di non sapere che si sta usando un gestore di contenuti.

Articolo del 13 Giu 2018 di Romano Carmine